Una Apple al giorno

Visto che i miei occhi sono sempre puntati, anche se indaffarati in altro, su quanto succede a Milano, era ovvio che vi avrei parlato anche di mele prima o poi.

EyeMilano torna a fare il suo dovere, sempre presente a cadenza settimanale, il giovedì per intenderci, per raccontarvi cosa succede in città.

Di questi tempi, poi, ne stanno succedendo di tutti i colori, e io presente per voi!

 

Escludendo il discorso moda che vedrete ampiamente presentato nel mio blog The Ciabatte Pelose (lo state leggendo??) tra le varie inaugurazioni, che hanno reso questa Milano durante l’estate la città più viva d’Italia, e mentre tutti i milanesi andavano a crogiolarsi al sole per togliersi il rinomato grigiore dalla pelle e lo smog dai polmoni, io ero qui a fare la guardia e a segnarmi tutto per bene sull’agenda.

 

Morale, abbiamo avuto 3 eventi fantasmagorici che si sono e mi hanno dato da fare. Due in settembre a distanza di un giorno l’uno dall’altro e uno a fine luglio, il 26 per essere precisi.

 

Oggi parleremo dell’evento numero UNO che però non si può definire del secolo dato l’arrivo dell’evento numero 3. Sto parlando dell’apertura molto ma molto sofferta del mega store Apple in Piazza Liberty, cuore del centro storico e commerciale di Milano.

 

Il colosso mondiale che ai tanti sta molto a cuore, a me soprattutto che sono una Apple addicted (ho sempre lavorato con computer Apple conosciuti come Macintosh – mi ricordo benissimo il mio primo Quadra 800), è riuscito finalmente ad aprire in città e a renderci ancora più Apple addicted.

Sono tornata 4 giorni fa, di domenica, per una breve visita ed era letteralmente preso d’assalto dai visitatori, mentre quando sono andata in agosto per fare il mio servizio fotografico, per fortuna era più “vuoto” e vivibile.

Giusto, vivibile. Da un posto simile così stipato di gente che in realtà lì dentro fa poco e nulla (mi sembrava quasi la gita all’Ikea della domenica) se non è vivibile, puoi solo fuggire… e ti passa la voglia di comprare.

Ma tanto credo che questo a Apple poco importi, che dite? Anzi meglio l’affollamento…. Apple è e sempre resterà la mela morsicata.

 

Ho fatto un po’ di foto che troverete qui, in una bella gallery senza troppa gente attorno. E devo dire che il signor Foster ha fatto proprio un bel progetto. Tralasciando i problemi tecnici dovuti alla scoperta dell’amianto (provate a pensare a quante volte siete andati al cinema Apollo negli anni passati e a quanto foste vicini a una sana dose di amianto rimasta lì per decenni e mai “asportata” dai precedenti progettisti che ristrutturarono lo spazio, non poi così tanti anni fa), e alle polemiche secondo cui il Comune di Milano abbia preso soldi a palate per sfondare la storica piazzetta, e la città abbia perso l’ennesimo cinema in centro amato da molti radical intellettuali chic (ma tanto i proprietari ne hanno fatto uno enorme a City Life e hanno ampliato quello di via Milazzo, quindi dove sta il problema??), ebbene… tralasciando tutto questo, ripeto l’Apple store è davvero bello.

 

Bello. Mi ripeto.

Bello il parallelepipedo a scomparsa trasparente con la fontana posto all’ingresso che non disturba il palazzo liberty, bello l’anfiteatro su cui sostare e dal quale si scende per entrare nello spazio che si trova letteralmente sotto terra. Bello.

Mesi fa ero dubbiosa, ma dopo averlo visto, ho cambiato idea appena entrata nella piazza da Corso Vittorio Emanuele e visto il monolite di vetro.

 

Belli gli interni, una agorà alberata, una linea continua tra esterno ed interno in cui una serie di giganteschi alberi mi invitano a rilassarmi e a sedermi alla loro ombra. In fin dei conti nella piazza soprastante c’erano alcuni alberi messi non tanto tempo fa con la precedente ristrutturazione, è come se li avessero presi e spostati sotto terra.

 

La struttura interna, il design composto dai soliti tavoloni in legno chiaro su cui sono esposti i prodotti Apple, è sempre la stessa di tutti gli altri store. Ma ci sono delle cose in più che fanno parte di quanto Apple offra a Milano e ai visitatori.
Sto parlando di uno spazio accessibile da dietro un enorme schermo su cui vengono proiettate immagini e video creati apposta da 21 artisti selezionati e che hanno “animato” il giorno dell’inaugurazione con i loro progetti realizzati ad hoc, e che continueranno ad animarlo in futuro in un ampio calendario di eventi, corsi ed esposizioni.
Insomma, un vero e proprio connubio tra arte e tecnologia, un fluido continuo che lega e unisce, in fondo, non dimentichiamoci, i prodotti Apple nascono per creativi e artisti, giusto?
Un’ultima chicca, prima di lasciarvi alle immagini che trovate qui, il nome ufficiale del negozio non è Apple Store, come gli altri, ma Apple Piazza Liberty, voluto per richiamare l’attenzione sull’aspetto culturale dell’impresa, inizialmente molto criticata, come ho spiegato prima, con la chiusura dello storico cinema Apollo.
Buona visita se ci andrete e parteciperete a qualche corso o evento (fitto il calendario), e buona visione della mia rassegna fotografica.

 

Bye bye

 

 

Verde Alfieri

 

 

Mi chiamo Verde, e con un nome così non potevo che essere una creativa. Mentre faccio gioielli che trovate qui Alfieri Jewel Design, mi diverto a scrivere qui per Anna, nel mio blog Alfieri Magazine ma soprattutto di The Ciabatte Pelose che tanto mi fanno impazzire.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...