#pandemia giorno 82. Oggi si va a Milano

Caspita, direte voi, tutta vita questa qua! Però vi assicuro, sono più di 82 giorni che non vado a Milano.

Che è davvero un po’ strano. Perchè pur non abitandoci più, era il posto dove facevo tante cose, prevalentemente quelle culturali, i libri, i concerti, gli incontri. Non posso dire che mi sia mancata, perché sì, mi sono mancate quelle attività ma ne ho avute tante altre. Persino i concerti, è bastato iscriversi al sito della Berliner Philarmoniker per partecipare a degli spettacoli commoventi, a teatro vuoto. E poi c’è sempre Spotify e la radio, che sono eccellenti, per ascoltare musica.

Schermata 2020-05-29 alle 14.09.12

E quindi non so, vi dirò magari domani, com’è andata. Se è diversa oppure no.

Anche se domani vado in montagna. Vi ho detto che ci andavo domenica, ed è vero, ma ci vado pure domani. Del resto, vi avevo detto che era la cosa che mi mancava di più.

Quindi buona giornata

Anna da Re

4 risposte a "#pandemia giorno 82. Oggi si va a Milano"

Add yours

  1. Una piccola osservazione: tramite mezzi elettroacustici (riproduzione mediante impianto con sorgenti fisiche o radioricezione) si ascolta solo il cadavere della Musica. L’ascolto dal vivo o, ancor meglio, l’esecuzione di persona è tutt’altra cosa. L’ascolto con mezzi elettroacustici è equivalente alle dissezioni anatomiche dimostrative: queste ultime servono per familiarizzare con le forme degli organi, ma, per imparare ad operare, occorre andare al tavolo sul Paziente vivo.

    "Mi piace"

      1. Invero, anch’io, quando lavoro all’elaboratore, ascolto o dal noto sito di pubblicazione estratti audiovisivi o da siti ufficiali di emittenti o dall’impianto: Va da sé che, salvo fortunati casi, non si possa avere un assieme a disposizione, specie di questi tempi, in cui le misure contumaciali hanno impedito anche il riunirsi di gruppi di Colleghi per fare Musica d’assieme: una pratica che dà grande soddisfazione anche per noi organisti, spesso, considerati, a torto, solamente esecutori solisti od accompagnatori di Cori.
        Molto più alla portata di tutti coloro che abbiano uno Strumento musicale a domicilio sarebbe stato approfittare dei giorni di reclusione forzata per studiare quei brani che si sarebbero voluti apprendere od approfondire, ma è mancato il tempo.

        "Mi piace"

Rispondi a Roberto Borri Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: