A colazione con Verde

Sono da poco passate le 8.

Svegliarsi al mattino e pensare a come affrontare al meglio la giornata credo sia il primo passo di ciascuno di noi. Si inizia col mettere un piede giù dal letto, poi l’altro, poi ci si trascina verso il bagno per lavarsi il viso con acqua ghiacciata e sperare che questa sferzata di freddo ci dia la giusta carica. Ogni giorno è così che ricominciamo a scandire il trascorrere del nostro tempo.

I monumentali interni ottocenteschi dipinti a mano del Cracco in Galleria Vittorio Emanuele a Milano

Ripartiamo è una parola che sento spesso ultimamente, anche troppo. Non mi piace un granché, direi che quasi mi da la nausea e mi fa storcere il naso nel pensiero del tempo che è passato congelato dagli avvenimenti che lo hanno reso incredibilmente surreale. Credo che come me, nessuno di voi abbia poi tanta voglia di pensarci troppo. Eppure è andata così e non ci possiamo fare nulla, e la parola ripartire la sentiremo ancora per un bel po’.

Dopo tanto tempo sono qui ad ammirare la Galleria, vuota o quasi, da non dimenticare.

Così è arrivato anche il momento che io ricominciassi a scrivere sul blog di Anna. Vi confesso che non mi era molto chiaro in che modo mi sarei potuta riproporre. Ho pensato che c’era bisogno di una nuova idea. La mia rubrica EyeMilano ha trascorso con noi parecchio tempo ed è anche stato divertente scriverla. Ma molto è cambiato per sempre e non potevo esimermi nemmeno io dal farlo. Ma come?

Il cielo ingabbiato dalla vetrata del soffitto dell’Ottagono, al centro della meravigliosa Galleria.

Alla fine l’illuminazione è arrivata, anzi mi è stata servita in una tazza di ceramica bollente e profumata di caffè.

Un cappuccino e una brioche, ecco da dove devo ripartire. Dal momento più bello della giornata, quello subito dopo i piedi giù dal letto e l’acqua fredda in faccia, il risveglio, seguito dal rituale che ci aiuta a cominciare bene la giornata: una Colazione…con Verde.

Aspettatevi i migliori croissant. Da quelli sfogliati, a quelli laccati, imburrati, farciti e spolverati accompagnati rigorosamente da eccellenti caffè. Certo non sarà così tutte le mattine, anche se io in tutta la mia sconfinata golosità, ne sarei più che felice. Ma il tempo scandisce troppo le mie giornate e penso che dopo un po’ il cappuccino si raffredderebbe e diventerebbe imbevibile per me, figuriamoci per voi che tutti i giorni ve lo dovreste sorbire.

Ho fermato la vigilessa nella sua bella divisa di rappresentanza. Questa è per me una foto simbolo, dai molteplici significati.

Ma quindi cosa sarà? Una rubrica di cucina? Nient’affatto. Di pasticceria? Sia mai. Non fatemi anticipare nulla che nemmeno io so come sarà. Sarà tutta da scoprire di settimana in settimana.

Torniamo ad oggi, primo giorno di Colazione con Verde, dove vi porto? Ho preso la decisione più improvvisata di sempre. Avendo trovato una delle mie pasticcerie preferite rigorosamente chiusa con mia massima delusione, le ho voltato le spalle e dopo un breve pensiero guardando dritta davanti a me, ho attraversato la Galleria e sono entrata da Cracco.

da Cracco in Galleria Vittorio Emanuele a Milano
Dicono che la brioche del pasticcere Marco Pedron del Cracco sia la più buona. Lo dico anche io?

Ecco il mio cappuccino e la mia brioche sfogliata e laccata. Dicono che sia la migliore di tutta Milano, ma in tutta sincerità, vista l’avventura/disavventura per averla (signor Cracco, che mi combini?), diranno anche che è la più buona ma io ne ho mangiate di migliori. Sorvolo sull’avventura, e la lascerò ai posteri, forse poteva essere un’inizio migliore di giornata, ma poco importa. Dopo tanti mesi sono tornata in centro a Milano, ho rivisto le meraviglie della Galleria, fatto le foto di rito per immortalare il momento e pensare a come scrivere il primo articolo della mia nuova rubrica “Colazione con Verde“.

Ci leggiamo al prossimo cappuccino, così scoprirete cosa ho in serbo per voi. Intanto abbracciamo questa sofferente Milano, e ripartiamo da qui.

 

Verde Alfieri

Mi chiamo Verde, e con un nome così non potevo che essere una creativa. Mentre faccio gioielli che trovate qui Alfieri Jewel Design, mi diverto a portarvi a colazione con me, a scrivere per il mio blog Alfieri Magazine ma soprattutto di The Ciabatte Pelose che tanto mi fanno impazzire.

 

Una risposta a "A colazione con Verde"

Add yours

  1. L’ha ripubblicato su Alfieri Magazinee ha commentato:

    Sono tornata a scrivere sul blog Chic after Fifty con una nuova rubrica. Ma< sì, tranquilli … torno presto anche qui, è che sono stati mesi frenetici che e giornate impegnate su tutti i fronti. Ma prima o poi bisogna pur ricominciare…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: