La meraviglia base della lettura: c’è sempre da imparare

Alfieri Magazine

Alle volte succede, quando si hanno passato i fifty e si è studiato un po’, di sentirsi un po’ saputelli. Non lo si direbbe mai, per carità, però dentro di sé si pensa di saperne un po’, e magari un po’ più degli altri.

La lettura ti rimette al tuo posto silenziosamente, senza arrabbiarsi e senza criticarti esplicitamente. Semplicemente facendoti vedere quante cose non sai. Così tante che al confronto quelle che sai non formano nemmeno una pozzangherella di fronte al mare.

E succede con qualsiasi libro, anche il più innocente e il più insospettabile.

Sapete che leggo anche per lavoro, oltre che per piacere. Leggo i libri dell’editore per cui faccio comunicazione. Faccio parte di gruppi di lettura, ho tante relazioni nel mondo dei libri e quindi i libri mi capitano tra le mani anche quando non li cerco. E leggo quasi sempre più di un libro alla volta…

View original post 199 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: