Di disagi, stanchezze e saluti

Oggi è il mio ultimo giorno di lavoro prima delle vacanze estive e mai come quest'anno sono arrivata alla fine di questa prima metà (abbondante) dell'anno stanca e stanca e stanca. Non so voi, ma io ho lavorato davvero tanto. E la quarantena prima, l'emergenza dopo, i piccoli guai che mi hanno tenuto a casa... Continue Reading →

Quello che i vestiti direbbero. Se potessero parlare

Stamattina quasi non sembrava estate, con il cielo grigio e un pochino di pioggia. Ma è durato poco e ora è tornato il sole. È tempo di camicie bianche. Un capo che adoro, di cui ho anche una certa varietà, e che finisco per mettere poco perchè quando è caldo mi fanno caldo e quando... Continue Reading →

Ma il mondo sta cambiando e il nostro rapporto con la moda anche

Che il mondo sta cambiando ve l'ho detto l'altro ieri e non vi sto a ripertere oggi perché lo penso. Anche perché si tratta più di un sentire che di un pensare. Condiviso da parecchi se non molti, anche. Siccome sono abbonata al Corriere della Sera digitale, il giovedì ricevo la newsletter Corriere Moda. Verso... Continue Reading →

#pandemia giorno 85. Il rumore dell’acqua

Ormai davvero, la quarantena, la pandemia, l'emergenza stanno pian piano venendo sostituiti da una normalità. Uso l'articolo indeterminativo perché poi va qualificata, questa normalità, non essendo quella su cui tutti ci intendevamo (o credevamo intenderci) e quindi accompagnata dall'articolo determinativo. Anche questo diario volge al termine. Non ha più il senso da cui era partito,... Continue Reading →

#pandemia giorno 81. Effetti indesiderati dello smart working

Come sapete difendo lo smart working in questo momento e lo difenderei anche dopo. E l'avrei scelto anche prima. Che non avesse effetti collaterali e indesiderati era un'illusione, e tutto sommato non ce l'avevo. Ma la vita ci sorprende sempre, e quello che temiamo spesso non si verifica, e puntualmente si verifica quello che neppure... Continue Reading →

#pandemia giorno 79. Numero che fa impressione e che controbilancio con un po’ di verde

Fa impressione che siano 79 giorni, anche se poi, tutto sommato, non solo siamo qui a raccontarlo, ma questo tempo diverso ci ha anche regalato esperienze diverse soprattutto con noi stessi. Forse arriverà anche il momento di abbandonare questo diario, quando non sarà più giustificato dalla quarantena, dall'emergenza coronavirus, dalla sensazione di essere in un... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: