#pandemia fase 2. Un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci

Stamattina mia cugina Patrizia, che posta sempre qualcosa preso da un libro di Margherita Sciarretta, ha posta il Qohèlet. Una di quelle cose che puoi rileggere ogni giorno, e per tutta la vita, e ci troverai sempre un pezzetto di verità e un pezzetto della tua vita. Leggendo Un tempo per abbracciare e un tempo... Continue Reading →

#pandemia fase 2. Siamo ancora quello che eravamo

La cosa bella e che ci tiene legati a Facebook è che è vero davvero che si possono ritrovare vecchi amici. Io ho sempre sostenuto la teoria che le persone che hai perso per strada le hai perse perché non c'era niente di fondamentale che ti legava a loro. Però non è una verità assoluta,... Continue Reading →

Ma perché chiedere su Facebook se un vestito ci sta bene?

Per uno dei motivi strani per cui su Facebook vediamo dei post di persone o organizzazioni che non ci interessano per niente, ma che forse i geniali algoritmi di Facebook pensano ci dovrebbero interessare, mi trovo spesso nella timeline i post di un gruppo che si chiama Come mi vesto? Moda e dintorni. È possibile... Continue Reading →

Una rete che produce tristezza. Il web è diventato questo?

Domenica scorsa sulla Lettura del Corriere della Sera si parlava del libro Nichilismo digitale di Geert Lovink. Il titolo "Questo web ci rende tristi" ha colpito molto, e per esempio su FB tra i miei amici ne ha scritto Federica Tronconi, persona molto sensibile e intelligente (che mi perdonerà se le ho rubato l'immagine), che... Continue Reading →

I meravigliosi effetti collaterali del volontariato

Come si comincia a fare i volontari? E perché? Indubbiamente ognuno avrà una storia diversa e motivazioni diverse, ma complessivamente la “chiamata” è spesso un insieme di circostanze casuali che intercettano qualcosa di profondo dentro di noi. Io avevo sempre pensato che fosse importante fare del volontariato. Ma non mi sentivo pronta per quello che... Continue Reading →

Pratiche conservative e il piacere del passato che resta

Questa è così, una meditazione un po' generale. In questi giorni ci sono state diverse conversazioni interessanti sui blog, sulla regina Elisabetta, sul vintage, sulla riqualificazione delle città. Cose che scritte così non sembrano avere rapporti l'una con l'altra. Ma nella mia testa balzana invece si sono collegati in un'idea che promuovo da tempo, e... Continue Reading →

Come vestirsi quando si sta meditando su “Il tuo anno su Facebook”

La mia prima reazione di fronte al "Your year in review" di Facebook è stata di lasciarlo perdere. Tutti sappiamo quanto stupidi siano certi messaggi di Facebook: ti ricorda che tu e tua sorella siete diventate amiche 4 anni fa, oppure ti mostra dei ricordi che vorresti dimenticare. Poi ho letto il post che ha... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: