#iorestoacasa giorno 60. Di tempo, vecchiaia, mandarini e dilemmi morali

Ho letto un articolo di Adriano Sofri su Il Foglio, ieri, che mi ha colpito e mi è rimasto in testa. Si intitola "È ora di trasferire nella discussione pubblica il dibattito del vecchio mandarino". Ovviamente un titolo così non poteva non incuriosirmi. La prima cosa che ho scoperto è il dilemma, che non conoscevo... Continue Reading →

Guardando e ammirando Juliette Binoche in “Il mio profilo migliore”

Niente come i social network ci mette di fronte al problema dell'identità. Nel momento in cui ci viene offerta la possibilità di presentarci come diversi da come siamo, più giovani, più belli, più ricchi, più interessanti, più sofisticati, più buoni, più famosi, prendiamo questa possibilità e la usiamo. Con molte conseguenze, alcune attese e altre... Continue Reading →

Se l’immaginario della nostra età non corrisponde alla realtà

Tra le varie newsletter che ricevo (alcune delle quali, lo confesso, non apro nemmeno, ma mi costa meno fatica buttarle via che non disiscrivermi) c'è quella di Ageist, un webzine americano per signore e signori after fifty che mi piace molto. E ieri c'era un articolo molto interessante, un esperimento sociologico che ha sorpreso i... Continue Reading →

Considerazioni sulla giornata della lentezza

Mi ricordo che quando ero giovane c'erano delle volte che mi lamentavo di come le cose procedessero con lentezza. Avrei voluto che tutto fosse più veloce, mi sentivo un po' futurista, a tessere gli elogi della velocità. E devo essere stata ascoltata, perché a un certo punto il mondo ha subito un'accelerazione impressionante e pure... Continue Reading →

La curva della felicità è fatta a U. Anche a Monza

Nelle mie letture a volte disordinate ma sempre fruttuose, sono incappata nella curva della felicità, secondo la quale dopo i cinquant'anni si è più felici. Siccome mi sembra di esserne la dimostrazione vivente, ho deciso di approfondire un po' il tema, e ho comprato il libro, che al momento esiste solo in inglese. Devo dire... Continue Reading →

Oggi sono a Roma. Per lavoro. Ma è un diversivo, che come sempre ha l'effetto di portare nuovi pensieri e riflessioni diverse. Roma è la città eterna. Dentro cui sei un esserino di passaggio, che non lascia traccia se un filo di consunzione in più su selciati così antichi da non accorgersene neppure. Il titolo... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: