La lezione social di Ediciclo.

Anch'io come tutti, alle volte ho proprio in uggia i social. Poi però ci sono piccole storie che mi fanno pensare, vedi senza social questa cosa non sarebbe successa. L'editore Ediciclo, di cui seguo le pubblicazioni perché fa libri di camminate, percorsi e cammini, quando si è accorto di avere stampato le copie di “Dell’andare... Continue Reading →

Ebbene sì, Emma Faustini c’est moi

Perdonate la semicitazione letteraria, mi suonava troppo bene. E mi serve per farvi una confessione: oltre che su questo blog, scrivo sul portale Grey Panthers con un nom de plume: Emma Faustini. Tuttavia Emma non c'entra nulla con Flaubert. Quando ho pensato che mi serviva uno pseudonimo, mi sono rivolta alla mia famiglia: sapete che... Continue Reading →

Un giro al mercato, la bici, il sole, degli articoli interessanti su La lettura. Nonostante la pandemia

Sta per calare il sole e io non ho ancora cominciato questo post. Che cosa vi racconto? Altre piccole cose belle! Stamattina mi sono concessa un giretto al mercato. I mercati mi piacciono moltissimo. Mi piace vedere la gente che li frequenta, ascoltare i commenti e le conversazioni; mi piace quella comunanza che nasce dal... Continue Reading →

Cose che leggo e cose che ascolto: Alessandra Carati, Alexander Langer e le attivazioni cerebrali

Alle volte cose disparate, o cose che vengono da momenti diversi e ambiti diversi, si mettono insieme senza che neanche lo cerchiamo. Cerco di andare con ordine. Sabato ero in giro per Bookcity, e tra le tante presentazioni, da seguire per lavoro o per passione, il pomeriggio alle 18 sono andata all'incontro con Alessandra Carati.... Continue Reading →

L’utilità dell’inutile. Un’idea in buona compagnia

Stamattina facendo il mio solito giro di ricognizione su Facebook e Instagram sono incappata in un post che riporta la foto di Agnes Heller e questa sua frase: "Se qualcuno dovesse chiedermi, come filosofa, che cosa si dovrebbe imparare al liceo, risponderei: “prima di tutto, solo cose “inutili”, greco antico, latino, matematica pura e filosofia.... Continue Reading →

Tornare a Torino. Sì, lo sapevo che sarebbe stato bello. Anzi bellissimo

In un certo senso, fino all'ultimo non ci si credeva. Il Salone del libro in presenza? Tutti tutti come una volta? Gli eventi dal vivo? Gli incontri di persona? E solo la mascherina come limite? Eppure è successo. Gli eventi con le persone sedute una di fianco all'altra, con la mascherina certo ma senza quelle... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: