E poi a un certo punto c’è bisogno di aria, di verde e di riposo

Tendiamo a vedere la nostra mente, il nostro cervello, come un contenitore che può essere riempito costantemente, e come un organo che funziona 7/7 e 24/24. Non ci poniamo limiti di pensiero, leggiamo, scriviamo, parliamo come se tutti i nostri referenti fisici e psichici non avessero bisogno di riposo, di tregua. E invece io mi... Continue Reading →

#iorestoacasa giorno 61. La lezione delle piante

Da quando il tempo è bello, dopo pranzo vado a bere il caffè sul terrazzo. Mi metto gli occhiali e guardo le piante nei particolari, per vedere se stanno bene, se i pidocchi sono stati debellati definitivamente, se non sono arrivati altri parassiti, e per vedere i progressi della fioritura o della crescita. Che questa... Continue Reading →

#iorestoacasa giorno 55. Imparare e migliorarsi

Oggi è un'altra meravigliosa giornata di luce e sole. Fa abbastanza caldo ma c'è un po' di vento, e stanno arrivando delle nuvole, sono previste, ma senza pioggia. Sono sul terrazzo, mi faccio scaldare dal sole, finalmente. I ragazzi del palazzo di fronte hanno cominciato a suonare, oggi è una canzone diversa che non conosco,... Continue Reading →

I meravigliosi effetti collaterali del volontariato

Come si comincia a fare i volontari? E perché? Indubbiamente ognuno avrà una storia diversa e motivazioni diverse, ma complessivamente la “chiamata” è spesso un insieme di circostanze casuali che intercettano qualcosa di profondo dentro di noi. Io avevo sempre pensato che fosse importante fare del volontariato. Ma non mi sentivo pronta per quello che... Continue Reading →

Abbiamo bisogno di natura. Molto più di quello che crediamo

Sono sempre stata una persona di città. Mi ha sempre fatto piacere avere intorno il fervore delle novità, la ricerca, l'innovazione, la creatività e la confusione della città. Ho adorato New York come poche altre città al mondo. Amo Milano, amo Parigi, amo Londra. Ma adesso ho più bisogno di campagna, di verde, di alberi.... Continue Reading →

Abbiamo bisogno di sentire la terra sotto i piedi. Con Andrea Bianchi e Legambiente

Sabato con Legambiente siamo stati al parco di Monza, e abbiamo camminato a piedi nudi. Eravamo con Andrea Bianchi, creatore del movimento Il silenzio dei passi, autore del libro Con la terra sotto i piedi e camminatore barefoot. Non camminatore scalzo, perché scalzo vuol dire senza calzature, come se fosse naturale che i piedi stiano... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: