Bolle parallele

Quando si dice che i social sono fatti di bolle e che quelle bolle per loro natura non comunicano con le altre, salvo magari nel momento in cui esplodono, si dice proprio la verità. Sapete che il giovedì guardo la newsletter sulla moda del Corriere della Sera, con una grande ammirazione verso i giornalisti che... Continue Reading →

Il comandamento della felicità. Secondo Luisa Muraro

Noi genere umano siamo davvero strani. Quando le cose vanno discretamente, quando non c'è nessuna tragedia all'orizzonte o addirittura sui nostri piedi, passiamo il tempo a lamentarci e a protestare per tutto quello che non funziona come vorremmo o per tutto quello che non riusciamo a ottenere. Poi quando la tragedia, in qualsiasi forma, ci... Continue Reading →

#pandemia fase 2. Mi sa che ci siamo montati la testa

Quand'è che abbiamo cominciato a pensare di essere più importanti degli altri? Quand'è esattamente che ci siamo montati la testa per cui siamo capaci solo di pretendere e neanche più di chiedere? Incolpiamo i social, dai. Che in un certo senso è vero. È vero che prima dei social il consumatore, anche se sulla carta... Continue Reading →

Possiamo smettere di condividere? Grazie

Ci sono molte polemiche, in questo momento, sull'annuncio comparso su Repubblica per invitare i lettori a scrivere le recensioni dei libri di cui si parla e di quelli di cui non si parla. Il terrore corre sul filo e scenari apocalittici di gente che recensisce il libro autoprodotto del cugino del fratello dell'amico, di un'inondazione... Continue Reading →

Ma quanti follower ci vogliono per sentirsi di successo?

Sono i follower la misura del successo? I numeri sembrano rassicuranti. Certi. Incontrovertibili. Ma poi. 100.000 follower sono tanti? Sono pochi? Sono la misura del successo? Dipende. E poi chi sono quei follower? Vi guardano davvero? Vi leggono, nel caso in cui scriviate oltre che a fare foto? Vi guardano, se fate dei video? E... Continue Reading →

Dove ci porteranno i selfie, gli #outfitoftheday e gli influencer?

Quest'estate, durante le vacanze, non ho avuto nessuna voglia di stare sui social. Li controllavo ogni tanto, mettevo qualche foto, qualche album, giusto per dovere di cronaca. Ma non avevo nessuno slancio di condivisione, ed ero anche abbastanza annoiata dalle spiagge, montagne ed esotismi altrui. Le cose cambiano, direte voi. E avete ragione. I social... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: