Come vestirsi per incontrare Jonathan Safran Foer. A Milano

Non è un incontro personale, ve lo avevo già detto. Sarò in mezzo a una folla di fa, letori, giornalisti, blogger. Ma avrete il mio personale resoconto, domani. E questo è un fatto speciale, concordo
 

Mi ricordo il suo primo libro, aveva un titolo bellissimo, bellissimo anche tradotto in italiano, e letteralmente, Ogni cosa è illuminata. Un titolo caldo e suggestivo. Poi il libro era furbo: bello e piacevole, intenso anche ma furbetto. Troppo consapevole. Come quei ragazzini intelligenti e carini e che sanno benissimo di esserlo e ci giocano e un po’ se ne approfittano.
Il secondo non l’ho letto. Ho visto il film che ne hanno tratto, e mi è piaciuto.
Penso che leggerò questo nuovo, Eccomi; ma ci sono così tanti libri che sono nella mia lista di letture che non so quando lo farò. Non credo che sarà molto presto. Ma non si sa mai.

E non avevo pensato di andare alla sua presentazione.
Sono un po’ sospettosa, rispetto alle presentazioni.
Oh, si, lo so che mi direte che non è vero e che ci vado spesso.
E avete ragione.
Ma è quasi sempre per lavoro.
Io amo i libri e non sempre sono interessata a conoscere chi li ha scritti.
Non sono neppure d’accordo con la famosa citazione da Il giovane Holden di J.D. Salinger: “Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira.”
Quando amo un libro vorrei che non finisse mai, e che fosse rapidamente seguito da altri libri dello stesso autore…

 

In ogni caso alcuni miei colleghi avevano deciso di andare all’incontro, e io ho deciso di andare con loro. Sono curiosa di vederlo, dopo tutto.
E domani vi racconterò.
Quel che vi posso dire per adesso è che si è rivelato un evento così grande che i biglietti erano già venduti tutti dopo poche ore e lo hanno spostato in uno spazio più grande, dove ci potessero/potessimo stare tutti.

 

E quindi capite che mi dovevo un po’ vestire per l’occasione!

 

Ho scelto un top molto carino, che mi ha regalato mia sorella quest’estate: lo abbiamo preso insieme in un banchetto al mercato di Big Bear Lake. La signora che lo vendeva (e aveva un sacco di altre cose carine) era tutta gasata all’idea di stare vendendo una cosa a una fashion blogger italiana!
L’ho usato parecchio quest’estate, il top, ma sempre con dei bermuda e in uno spirito vacanziero.
Così ho fatto un po’ fatica a trovargli un abbinamento più cittadino, ma alla fine ho optato per dei pantaloni blu dritti e semplici, a cui ho aggiunto un piccolo cardigan e dei sandali neri… ed eccomi!

 

Chic e #50chic!
 

Buona giornata!
Anna da Re

 

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...