Quando c’erano i romanzi a puntate

Alfieri Magazine

Uno dei libri che sto leggendo in questo momento è Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas.

È probabile che qualcuno di voi si ricordi lo sceneggiato televisivo di ormai parecchi anni fa, oppure il film. E di sicuro in molti l’hanno letto ed è considerato un classico, seppure un po’ sui generis.

978880467949HIG-334x480

Il conte di Montecristo è quello che oggi verrebbe definito un romanzo pop. Del resto è così che nasce, scritto e pubblicato a puntate su un quotidiano francese. Ai tempi in cui i quotidiani erano popolari, costavano meno, giravano di mano in mano, si trovavano anche nei caffè. Tempi in cui gli scrittori, poveri come sono adesso e in cerca di lettori come sono adesso, si adattavano e facevano quel che potevano.

Dimostrando, nel caso di Dumas ma anche in altri, che i vincoli, le costrizioni e gli impedimenti sono quello che alimenta la creativtà e…

View original post 282 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: