Cose che leggo: Jonathan Franzen, Crossroads

Eh no, non l’ho ancora finito. Come direbbe Angelo Cennamo di Telegraph Avenue, on page 387 of 580. A buon punto dunque.

Lo sto leggendo piano. Con molta calma. Come quei libri che richiedono concentrazione e attenzione, che non si sa mai dove si cela la perla rara, il passaggio cruciale, il perchè vero. Come quei libri che ci piacciono e li centelliniamo. Come quei libri che hanno dietro una ricerca, un impegno, una convinzione, libri a cui si deve altrettanto impegno e convinzione.

Le mie letture personali sono sempre interrotte dalle letture per lavoro, che come sapete mi piacciono e spesso mi riservano delle sorprese, ma che ovviamente hanno la precedenza. Come sempre ho sopravvalutato le vacanze di Natale, in cui pensavo avrei letto chissà che e invece ho sbrindolato e chiacchierato e giocato a tennis e viaggiato e letto sì, ma non tantissimo. Mi ricordo quando si viaggiava con i libri, mi facevo sempre delle pile altissime vicino alla valigia, poi magari le riducevo, ma erano sempre troppi rispetto al tempo vero. Alla fine si legge molto di più a casa che in viaggio.

Però insomma, lemme lemme ma vado avanti. Prima o poi lo finisco e ve ne parlo.

Intanto buon weekend!

Anna da Re

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: