How to wear a hat in the summer. In the city. In Milano

Anna da Re 22 giugno2

There was a time when everybody, in every season, wore a hat. You couldn’t go out without a hat. Then we became less formal, lots of habits and social rules were declared useless or worse, repressive and such. We thought we had no rules, we were free. Free of dressing the way we liked. I guess we know by now that we have rules, at least some social rules to keep us together as a society, however imperfectly. We are also quite free, at least in term of clothes. Certainly more free than our parents or grandparents…

But hats are great. The way they complete an outfit. No comparison!

I use hats a lot, mostly in winter. But when I was in Ancona for Easter holidays I went to the little market I adore, and bumped into this blue straw hat by Borsalino: absolutely lovely! It was a bit big (it still is) but it was love at first sight!

It took me a while to find the right outfit for the hat, and also the right weather and temperature. But today is the day. I am wearing my usual clothes: the blue “soprabito” by Antonio Fusco, the skinny jeans by Calvin Klein (a size more than my usual one), a white T-shirt by Hanes and a grey long sleeve T-shirt by Zara, the grey Converse All Star, the smile. Nothing that you haven’t seen before… but look the difference the hat makes!

Have a nice day!

COME INDOSSARE UN CAPPELLO DI PAGLIA. D’ESTATE. A MILANO

Una volta il cappello lo portavano tutti. Senza cappello non si usciva e il gesto di togliersi il cappello aveva un grande significato, al punto di far nascere l’espressione di elogio “tanto di cappello”. Poi abbiamo deciso di sbarazzarci di molte formalità e di molte regole. Abbiamo anche creduto di essere più liberi, vestendoci come ci pare e non avendo regole. Peccato che non è così vero: le regole, quelle della convivenza sociale in primis, sono cambiate ma ci sono ancora. La libertà nel vestire, quella sì, ce l’abbiamo, ed è senz’altro superiore a quella dei nostri genitori e dei nostri nonni…

Quanto ai cappelli, sono meravigliosi! Hanno un modo di completare un outfit che non ha paragoni.

Io porto sempre il cappello, di un tipo o di un altro, in autunno e in inverno.  Ma d’estate non avevo mai trovato modo di portarlo. Finchè un giorno nel mercatino di Ancona (dove ero stata per le vacanze di Pasqua) non mi sono imbattuta in questo Borsalino di paglia blu, ed è stato amore a prima vista!

Come indossarlo? Ci è voluto un po’ a trovare la giusta combinazione e anche la giusta temperatura. Oggi è stato il suo giorno: con il soprabito blu di Antonio Fusco, i jeans skinny (ma di una taglia di più) di Calvin Klein, una T-shirt bianca e sopra una grigia (Hanes e Zara), e le Converse All Star grige. Niente che non mi abbiate già visto indosso… ma quanta differenza fa il cappello?!

Buona giornata!

Una risposta a "How to wear a hat in the summer. In the city. In Milano"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

How to wear a hat in the summer. In the city. In Milano

Anna da Re 22 giugno2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: