Il make up giusto per il pixie grigio. A Monza

Ebbene sì, ho cambiato idea. Penso che un po' di make up sia necessario, con il pixie grigio. Va bene evitare l'effetto mascherone, ma bisogna evitare anche l'effetto vecchia signora…

Questo post lo devo, e lo dedico, alla mia amica Rosanna, con cui ho discusso di make up sì make up no, e make up quando ci si lascia i capelli grigi. Non che abitualmente passiamo il tempo a discutere di queste cose. O meglio, per essere onesta con voi come sapete che sono e come vi aspettate che sia, discutiamo di questo e di molto altro: dal senso della vita al make up e oltre.

Qualche mese fa, prima di cominciare il cammino verso il grigio, avevo una teoria sul niente make up, o giusto un po’ di blush sulle guance se si è pallidi o giallognoli come me e quelli di città. Avevo questa sensazione che l’effetto mascherone, una volta che si comincia a invecchiare, fosse dietro l’angolo o addirittura già lì. Poi Rosanna mi ha convinto a tornare ad usare il mascara. Non molto mascara. Ma un po’ di mascara. Q.b., come direbbero chimici e chef. E non c’è voluto molto a convincermi, è basato provare. Era proprio una buona idea.

Poi ho tagliato i capelli corti, adottato il pixie grigio e a quel punto il sembrare una vecchia signora era dietro l’angolo.

Sapevo fin dall’inizio che avrei dovuto stare ancora più attenta ai vestiti. Ma questo lato non mi preoccupava. Mi piace tantissimo scegliere e combinare i vestiti, e dopotutto, sono o non sono una fashion blogger? Ero meno sicura rispetto al trucco. Non ne so molto, non mi interessa molto. Non amo andare nelle profumerie, mi annoiano le pagine di make up e trattamenti dei giornali e le salto, non ho pazienza davanti allo specchio con polverine e creme. Ho ancora meno pazienza se è mattino e mi sto preparando per uscire.

Ma ho cominciato a truccarmi gli occhi. Con degli ombretti scuri e abbondante mascara. Ho scoperto di aver accumulato un certo numero di ombretti (il che dimostra che sono un’accumulatrice seriale, dal riso all’ombretto con tutto quello che ci sta in mezzo).

E ho notato la differenza. Anche nei selfie con la poca luce dell’inverno. E mi piace.

E adesso penso che una certa quantità di make up è necessaria anche ad una certa età. In armonia con il look generale e cercando un proprio equilibrio. Che del resto l’equilibrio è un concetto in movimento, mutevole.

Quanto ai vestiti, oggi sono tutta in blu. Strano, eh? Ma insomma, il blu mi piace proprio tanto. Ho dei pantaloni di Antonio Fusco, fatti di un bellissimo tessuto di lana leggero e tagliati meravigliosamente e che vestono perfettamente. Belli belli. Blu scuro. E una T-shirt bianca, un pulloverino blu fatto a mano. Più le scarpe psichedeliche! Semplice semplice. #50chic #50chic.

 

Buona giornata!
Anna da Re

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...