Strategia detox contro le persone velenose. A Monza

Succede anche spesso, che ci troviamo di fronte a persone negative e distruttive. Che emanano un veleno che rischia di intossicarci, o ci intossica sul serio. E allora ci vuole una strategia detox. Io ho la mia. E voi?

Beh questo è un post un po’ difficile da scrivere. Ma riguarda qualcosa che penso e sento davvero, e siccome sapete e vi aspettate che sia onesta con voi come sono sempre stata, ci provo e lo scrivo.

L’ho già scritto in inglese e confido che in italiano mi riesca più facile. Di solito è così ed è per questo che scrivo prima in inglese. Disciplina credo si chiami.

E’ successo ieri sera ma succede ogni tanto (o ogni spesso): che si incontra qualcuno davvero negativo, distruttivo, pieno di rabbia generica. A parte la reazione, che dipende ovviamente dalle circostanze nelle quali avviene l’incontro, la cosa difficile è evitare di essere contaminati da tutto quel veleno, o decontaminarsi una volta che il veleno è comunque entrato dentro di noi.

 

E quindi qual è la mia strategia detox?

  • La prima cosa che faccio è dichiarare a me stessa, e anche agli altri, che siamo di fronte ad una persona negativa e distruttiva. Che il malessere che provo non viene da dentro di me ma da fuori. Questo per me è un primo passo importante, che comincia a mettere le cose al loro posto.
  • Poi evito di indulgere in interpretazioni ipotetiche del perché questa persona è così negativa e distruttiva. Non perdo tempo a pensarci e mi trattengo dall’immaginarmi delle giustificazioni, come di solito facciamo quando ci troviamo di fronte ad un brutto comportamento o a una cattiveria. Non voglio dire che le persone non abbiano delle ragioni per comportarsi male: magari sì e magari no. Ma un cattivo comportamento resta tale in ogni caso.
  • E dopo lascio che le buone cose che sento, il calore e l’affettività che ho in me riaffiorino, emergano e prendano spazio, si allarghino dentro di me e in questo modo mandino via il veleno che mi è stato inoculato. Ci vuole del tempo. Ci vuole anche dell’allenamento. Ma funziona!

E io posso tornare a sorridere!

Ecco ce l’ho fatta. L’ho scritto. Spero vi piaccia!

E dato che le previsioni davano pioggia, per oggi (e neve tra un paio di giorni) mi sono messa gli stivali di gomma. Con una gonna corta pied-de-poule skirt, una T-shirt di lana nera e un pullover più o meno blu. Semplice semplice e #50chic!

Buona giornata!
Anna da Re

 

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...