Concitatezze dimenticate. Ufficio post lockdown

Concitatezze il correttore automatico non lo concepisce, il sistema me lo segna rosso. E in effetti nel dizionario italiano probabilmente non esiste. Ma la lingua è viva e in evoluzione, e che cosa vuol dire si capisce.

Questa settimana tra autori che sono venuti a Milano, presentazioni, email, libri da spedire, premi letterari e altro c’è una concitazione come non la vedevo da prima del lockdown. Poi c’è anche il Salone del libro che la prossima settimana comincia, e sembra di essere tornati ai vecchi tempi, buoni o cattivi che fossero. Con troppo da fare ma anche un bel senso di pienezza e ricchezza.

E dall’ufficio, il cielo verso quest’ora può essere bellissimo.

Buona serata!

Anna da Re

Una risposta a "Concitatezze dimenticate. Ufficio post lockdown"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: