Come vestirsi quando non si sa come vestirsi. A Monza

Mica facile, vestirsi tutti i giorni sapendo che tanti (tantissimi si spera) ti guarderanno… ma è il lavoro che mi sono scelta, questo della fashion blogger. E mi piace. Mi piace questa sfida quotidiana. E la disciplina. Il mio momento Zen

Eh, sì, anche le fashion blogger alle volte non sanno come vestirsi.
Specialmente le fashion blogger come me, che postano tutti i giorni no matter what.

Sarebbe facile postare solo i giorni in cui si ha qualcosa da far vedere, un nuovo acquisto o un outfit particolarmente originale.

Ma per essere onesta e sincera con voi come vi aspettate che io sia (e sono io ad avervi insegnato così), penso che questa sfida dello scrivere tutti i giorni sia molto più interessante.

Ovviamente vuol dire parlare non solo di vestiti. Ma c’è poi così tanto da dire sui vestiti? O forse i vestiti non sono solo un altro modo di parlare di persone, e di vita? Non sono forse anche i vestiti un modo di rispondere al nostro bisogno di narrare, di raccontare di noi e degli altri?
Credo proprio di sì.

E quindi la sfida di scrivere qualcosa tutti i giorni è una cosa buona, per me. E’ una forma di disciplina. Un pezzetto di ordine, nella mia vita.
Che poi è buffo, ultimamente improvviso molto, sempre di più. Nel senso che seguo quello che la vita mi offre invece di cercare di essere sicura di fare qualcosa o di vedere qualcuno. E’ un miglioramento, per me. E funziona a meraviglia. Perché in questo modo riesco a seguire quei continui cambiamenti di umore e di circostanze che fanno parte del flusso della vita, che sono il flusso della vita.
Ma mi piace anche la disciplina. Quel senso di realizzazione che la disciplina ti dà. La serietà e la responsabilità dell’impegno. Il senso di compiutezza.

 

E adesso andiamo davanti allo specchio. E’ martedì mattina. Una giornata grigia e piovosa, che potrebbe essere novembre se non fosse per la temperatura che è molto tiepida. Sono stanca, non ho dormito abbastanza, la mia mente è ancora addormentata e non ho nessuna voglia di pensare a come vestirmi.

I jeans sono la soluzione. Ne ho diversi paia, perché mi piacciono tantissimo e perché ce ne sono tanti tipi così diversi, almeno uno perfetto per ogni occasione. Oggi ho messo i boyfriend cut, che ho in una versione non tanto larga. E li abbino a una supersemplice T-shirt nera e un supersemplice cardigan blu scuro. Stivaletti Blundstone per la pioggia. E un trench: ne ho uno nuovo, nero, nuovo per me perché l’ho ereditato da una cara amica.

 

Mi faccio anche la foto, davanti allo specchio. In attesa, ancora, di risolvere la questione Bluetooth-telecomando. Ma se mi conoscete almeno un po’, non vi aspettate certo che io risolva i miei problemi o contrattempi appena si presentano! Lavoro, amici, libri, vestiti, tennis… troppe priorità!

 

Buona giornata!
Anna da Re

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: