Luna e stelle. E poesia. E teatro. Ed essere fortunata. A Monza

Una gran bella serata, quella di ieri. Alessandro D'Avenia davvero bravo. Il racconto commovente. La musica meravigliosa. Mi è piaciuto davvero
 

Che dite, comincio un’altra volta dicendovi quanto sono fortunata? No, dai, come minimo vi annoio. Oppure vi sembro pretenziosa e antipatica.
Però è proprio vero.

 

La rappresentazione che ho visto ieri sera a teatro, L'arte di essere fragili, era commovente e Alessandro D’Avenia era incredibilmente bravo.
E’ stato in scena per un’ora e mezza, con gli studenti della sua vera classe, che però erano solo così, una spalla silenziosa; e ha messo cuore e passione nel racconto della vita e delle opere di Giacomo Leopardi.

Ho adorato anche la musica: un tocco delicato, un accompagnamento perfetto del racconto, con un crescendo che era il crescendo della storia.

E come vi avevo detto, ero lì per lavoro.
Ma a parte le ore extra e la scomodità di dover andare in città con la macchina (che era dopocena e quindi se no chissà come tornavo, ed era un dopocena per modo di dire visto che la cena è consistita in un panino, sempre meglio che niente) e trovare un parcheggio e il freddo, ecco è stata proprio una bella serata.
Protagonisti insieme a Giacomo Leopardi la luna, le stelle, l’infinito, la ricerca di se stessi, la necessità di conoscere se stessi, il coraggio e la difficoltà e la lotta del vivere con pienezza.

Leopardi è diventato un amico, un compagno di viaggio.

 

E poi adoro il teatro. Stare nel buio e partecipare di quel che succede sul palco. La fisicità dell’esperienza del teatro. Più che affascinata vengo proprio stregata…

 

E oggi sono superbusy, ed è tutto il pomeriggio che cerco di scrivere questo post.
E così qui mi fermo e lo pubblico!

 

Vi piace la foto stile Rothko, blu su arancio?
A me piace.

 

Buona serata!
Anna da Re

 

Annunci

2 risposte a "Luna e stelle. E poesia. E teatro. Ed essere fortunata. A Monza"

Add yours

  1. In realtà è il compagno di viaggio di D’Avenia nel libro L’arte di essere fragili. Ma anche per me, Leopardi è una lettura da tenersi sempre di fianco

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: