Come vestirsi quando si medita sulla vita. A Monza

No, non sto facendo della filosofia (spicciola). Sto solo osservando la vita. E' così interessante!

Sembra che voglia fare della filosofia, vero?

Ma non preoccupatevi.
Voglio solo scrivere un po’ delle mie osservazioni sulla vita. Non voglio impedirmelo, che anzi un blog non nasce proprio per questo?

Così stamattina mi sono svegliata e ho fatto colazione e mi sono vestita e mi sono fatta il selfie e sono uscita per andare all’ufficio postale, dove avevo la netta sensazione che avrei trovato una multa che mi aspettava. E infatti c’era una multa anche piuttosto sostanziosa per eccesso di velocità. Una multa che avevo preso a Pisa durante le vacanze di Natale. Sono abbastanza rassegnata su questo fronte: se guidi e vai in giro in macchina, qualche multa la prendi. E’ spiacevole, certo, ma anche se stai molto attenta e sei una guidatrice prudente, le multe non si possono evitare del tutto.

Dopo di che stavo marciando a grandi passi verso la stazione e ho superato una vecchia signora. Qualche passo dopo mi sento chiamare “Signorina!”, e allora mi sono voltata, e la signora mi ha chiesto se potevo darle il braccio, che aveva male a un piede e si sentiva insicura. Una signora di 88 anni. Delicata. Fragile. Gentile. Che non finiva mai di ringraziarmi. Che mi ricordava la mia mamma, anche in quel modo ormai così in disuso di dire “non so come ringraziarla”. E io le ho detto quello che dicevo a mia mamma, che bastava che dicesse grazie. E che ero felice di esserle stata utile. L’ho accompagnata al suo portone, che era molto vicino, e sono stata davvero felice di averla aiutata. Che me l’abbia chiesto. Ero commossa. Le ero grata.

Più tardi, quando sono salita sul treno, ho notato quello che ho notato molte altre volte e forse ve l’ho anche detto, un treno pieno in cui non succede mai, neanche per sbaglio, che una persona giovane si alzi per offrire il posto a qualcuno di vecchio (o anche a me, al limite, con i miei capelli grigi e le mie rughe); anzi quando a una delle fermate intermedie si è liberato un posto, una ragazza ci si è fondata a testa bassa. Accompagnerebbero una vecchia signora per un tratto di strada? Forse non sentirebbero nemmeno il richiamo, sembrano così compresi in se stessi… ma chissà, magari crescendo miglioreranno!

E quindi questa è la vita. Con le cose buone e quelle cattive. E teniamoci quelle buone strette al cuore!

E i vestiti? Sono tornata al blu, con i jeans cropped di denim scuro, una T-shirt di lana blu e un pullover fatto a mano, sempre sui toni del blu. Facile facile e #50chic!

 

Buona giornata!
Anna da Re

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: