La bellezza del lavoro a maglia

Ecco, ho fatto un altro maglione.

Non ne avevo bisogno, no di certo.

Ma al mercato di Livorno c’era una bancarella con dei gomitoloni di lana grossa di colori bellissimi. Mi ha colpito un azzurro intenso, ho pensato che bello un pullover così. Che chic. C’erano solo due gomitoli, da due etti ciascuno, ma ho pensato un maglioncino ci dovrebbe venire. Costavano poco. Ed erano quasi tutta lana, con parecchia alpaca, che è morbida morbida.

Sono tornata a Milano e ho cominciato il maglione. Con i ferri grossi. Un lavoro proprio da inverno, da freddo. Da tenersi sulle gambe a scaldarci.

Come spesso succede quando si lavora con i ferri grossi, si fa in frettissima a fare i pezzi e poi ci vuole un bel po’ a cucire, mettere insieme, fare il collo, tirare dentro i fili, stirare. Le rifiniture richiedono forse più tempo nel lavoro con la lana grossa che nei pulloverini sottili.

Comunque eccolo qua. Non esattamente come l’avevo immaginato, non succede mai d’altro canto. Ma bello e caldo.

È sempre una grande soddisfazione, anche dopo anni. Ve lo assicuro.

Se vi capita, provate a sferruzzare!

Buona giornata

Anna da Re

Annunci

Una risposta a "La bellezza del lavoro a maglia"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: