Diffidare dei navigatori. E ricominciare a fidarsi di se stessi

C’è un problema, anzi molti, nell’uso di mezzi e strumenti esterni a noi per muoverci e orientarsi nel mondo.

Come tutti, quando non conosco la strada uso il navigatore. Google Maps sul telefono, niente di particolare.

Il navigatore vi fa sempre fare la strada più lunga. Ha un’attrazione fatale per le autostrade, a meno che non mettiate l’opzione no pedaggi, che però in un percorso complesso è un problema. Il navigatore è ottuso. Non sa chi siete, perché siete in macchina e con chi. Fa il suo lavoro, ma essendo una macchina lo fa in modo meccanico.

È utile, per carità.

Però non ci può sostituire. Nessuna macchina ci può sostituire. Anche se noi siamo fallibili e le macchine quasi per niente, noi abbiamo altri strumenti. Quelli evidenti, gli occhi, le orecchie, i cinque sensi. E quelli meno evidenti, l’esperienza, il sesto senso, gli allerta istintivi.

Solo che ormai ci fidiamo poco di noi stessi.

Così mi è successo di dover andare a Porretta Terme per il corso di ricamo che era la prima parte delle mie vacanze. Ho pensato va beh, da Bologna metto il navigatore. Che a un certo punto mi ha fatto entrare in autostrada da un casello dove c’era solo il Telepass, mi ha fatto fare un perfetto giro in tondo riportandomi al punto di partenza… certo non può sapere se ho il telepass o no, e per lui tondo o dritto forse non fa una gran differenza… io invece alla fine l’ho spento e sono andata a chiedere indicazioni in un bar, e ieri sono dovuta andare a un Punto Blu per evitare di pagare più di 50 euro di autostrada per un tragitto di pochi chilometri.

Schermata 2019-08-27 alle 12.33.53

E certo, potevo fidarmi di me stessa, della mia capacità di leggere i cartelli, del mio scarso senso dell’orientamento a cui supplisco osservando tutte le insegne i bar e le costruzioni. Ma come tutti ho pensato che fosse meglio affidarsi all’esterno… è stata una belle lezione.

Non solo d’ora in poi il navigatore sarà solo uno strumento in più, da controllare e guidare attivamente. Ma mi concentrerà a fidarmi di me stessa e di tutti gli strumenti che madre natura ci ha dato e che tutti noi possiamo affinare e tenere vivi.

Cosa c’entra con lo chic e la moda? Direi niente. Ma oggi va così.

Buona giornata!

Anna da Re

 

Annunci

3 risposte a "Diffidare dei navigatori. E ricominciare a fidarsi di se stessi"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: