Come vestirsi: pensando che niente è scontato

È inevitabile, persino per quelli di noi che si ritengono consapevoli e attenti e si sforzano di osservare il mondo con cura, dare per scontato quello che ci circonda.

Poi succede qualcosa, a volte piccolo a volte grande, qualcosa di imprevisto e imprevedibile, e tutto cambia sotto i nostri occhi. Spesso in un baleno.

Ad esempio il traffico. Fa così parte delle nostre giornate, della nostra organizzazione della vita, del nostro panorama mentale, che non ne sappiamo nulla. Ci immaginiamo che siano tutte le persone che vanno al lavoro più o meno alla stessa ora e più o meno negli stessi posti. Poi chiudono le scuole e le università e il traffico scompare. Totalmente. Stamattina ci ho messo 40 minuti da Monza a Segrate, andando piano che ho pure una macchina a noleggio. Nemmeno in agosto le strade sono così vuote!

Non ho sperimentato i supermercati, dei cui scaffali vuoti ho visto diverse foto su Facebook. Perché in realtà pur senza aver fatto alcuna scorta, e pur mangiando poco in generale e poco a casa, visto che in genere sto tutto il giorno al lavoro, credo che mi ci vorrebbero diverse settimana prima di finire pasta e riso e altri generi non deperibili…

Schermata 2020-02-25 alle 12.29.51

Alcuni eventi a cui dovevo partecipare sono stati cancellati, ma avendone io sempre troppi, non sono poi così dispiaciuta. Per certi aspetti, assomiglia al mondo in cui sono cresciuta: una piccola città, pochi bar, pochi cinema, pochi negozi, poco traffico, poco di tutto. Si poteva vivere anche così. Chissà che, come le domeniche senza macchina, anche questi improvvisi cambiamenti ci insegnino qualcosa. Sicuramente ci costringeranno a uscire da certi automatismi e a non dare per scontate cose che non lo sono affatto.

L’ultima cosa, ho l’impressione che le persone che sono più perse in questa situazione sono quelle che hanno bisogno di sentire programmati tutti i loro prossimi passi. Con una certa ansia da controllo. Quelli che invece hanno imparato, magari da imprevisti davvero grossi, che il controllo vero è solo sul presente e non è mai preventivo, mi sembra che se la cavino meglio.

Che ne dite?

Intanto buona giornata

Anna da Re

2 risposte a "Come vestirsi: pensando che niente è scontato"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: