Il potere evocativo degli odori

Oltre alla poesia e alla musica, anche gli odori ci arrivano direttamente all’anima, senza passare dalla mente e da altri complessi processi elaborativi.

Ci pensavo ieri quando, verso sera, sono andata a fare un giro al parco con la bici. Avevano appena falciato il prato e dietro il viale Cavriga, e il profumo del fieno era intenso e meraviglioso. Per me, il profumo del fieno è uno degli odori più buoni del mondo. È l’odore della mia infanzia a Cortina, dei giorni infiniti d’estate, quelle vacanze eterne e alle volte oziose e noiose ma irripetibili.

Il profumo che ho messo stamattina era invece quello di mia mamma negli ultimi tempi, il profumo per l’estate, al té verde, un gusto fresco e leggero.

E ogni tanto capita, che arrivi un odore o un profumo che in un attimo, quasi senza che ci se ne accorga, ci riporta indietro nel tempo in un modo così vivido e così intenso che davvero sembra di essere ancora là, ad allora.

Che misteriosi e che meravigliosi siamo, noi umani. Non dovremmo dimenticarlo.

Intanto buona giornata!

Anna da Re

Una risposta a "Il potere evocativo degli odori"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: