Venerdì, tacchi imprevisti ed energia rinnovabile

Un post che è un potpourri di cose. Innanzitutto è venerdì, che è sempre una bella cosa anche per chi fa un lavoro che gli piace, come me. Poi è stata una giornata un po’ movimentata, sono andata a Milano per un lavoro, ho pranzato con una collega, insomma ho avuto degli interessanti scambi umani, che magari una volta mi sarebbero sembrati la totale normalità e ora invece li percepisco come un bel regalo. Perchè per carità lo smart working è bello e comodo, il mio studio è silenzioso e perfetto, ma ascoltare le interviste tra autori e giornalisti intelligenti, scambiarsi opinioni con colleghe brave che fanno lo stesso lavoro ma ovviamente in modo diverso, beh ci vuole proprio.

E poi sono passata da un negozietto che c’è a Monza, in una zona non di shopping o di grande passaggio ma che ha una bella selezione di scarpe e borse. Avevo notato degli ankle boots prima di Natale e avevo pensato aspetto i saldi, chissà se sono di quelle boutique che fanno si e no il 20% di sconto oppure se sono generosi. Ci sono passata oggi con la mia collega che è anche amica e abbiamo dei gusti molto simili, quelle cose che ti senti un po’ separati alla nascita, e gli sconti c’erano ed erano consistenti. Peccato che non fosse rimasta neppure una misura giusta per me delle scarpe che avevo visto in vetrina. Però la signora del negozio era decisamente brava, perché mi ha proposto di tutto e alla fine ha tirato fuori il coniglio dal cilindro: mi ha proposto degli stivaletti ma con il tacco! E io che ero partita con l’idea di comprare dei boots un po’ chunky, invernaloni e sportivi, sono uscita con dei boots affusolati e abbasanza eleganti. Che tutto sommato era quello che mi serviva, perché quando uno ha i Blundstone non ha bisogno di un sostituto dei Blundstone… ha bisogno piuttosto di scarpe un po’ più raffinate.

E i tacchi! Chi avrebbe mai pensato che tornavo a mettere i tacchi? Chi avrebbe mai detto che era bello sentirsi un po’ issate di qualche centimetro? E che uscire dalle sneakers o dai Blundstone dopo mesi mi avrebbe dato un senso così di femminilità ritrovata, di nuovo stile, di voglia di gonne e anche primavera?

Ecco, non sono andata scarpa e tornata zoccolo, ma partita zoccolo e tornata scarpa! E sono proprio contenta. E vi avevo detto che non avrei comprato nulla ai saldi…

E poi ho preso una decisione: passo a un fornitore di energia che sia davvero green ovvero che usi solo le rinnovabili. Ho trovato Dolomiti Energia, che già mi piace solo per il nome, sapete anche voi che il mio cuore è e sarà per sempre tra quelle montagne. Che oltretutto fa una donazione annuale a una charity, c’è un elenco tra cui si può scegliere e io la farò alla Fondazione Tavecchio che mi ha dato le info su Dolomiti. Che mica si può fare i volontari per Legambiente e poi restare con i vecchi gestori di energia…

Buon weekend!

Anna da Re

Una risposta a "Venerdì, tacchi imprevisti ed energia rinnovabile"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: