Passeggiare pulendo: una nuova forma di ecologia. Con Green Walking Monza, Progetto Co-Scienza e Legambiente

Voi penserete che sono matta, ma ieri sono stata proprio bene nella mia prima passeggiata ecologica, organizzata di Green Walking Monza con progetto Co-Scienza e Legambiente (per cui sapete che lavoro come volontaria).

Green Walking Monza è un’organizzazione appena nata dall’idea di Serena Gerardi, una ragazza come tante ma sensibile ai temi dell’ambiente. Sulla scia del “plogging” che pare stia riscuotendo grande consenso, ha pensato di organizzarne una versione più accessibile e cittadina. Grazie ai social e al sostegno delle due associazioni, il primo evento, di domenica scorsa, è già andato molto bene.

Eravamo in una trentina, per la maggior parte giovani, e abbiamo pulito un pezzettino di città.

gruppoMonza è una città pulita, ma non appena guardi sotto o dietro un cespuglio, o in punti un po’ più nascosti, dietro staccionate oppure cespugli alti, la spazzatura è lì, in bella vista.

Cartacce e plastica per lo più, frammenti di vetro, tappi e tanti, ma tanti tanti, mozziconi di sigaretta. Non c’erano persino delle multe, per chi buttava le cicche per terra? E tanti di questi mozziconi stanno vicino a dei bar, che voi direte è ovvio, la gente sta fuori e fuma, però è anche ovvio che i bar mettono a disposizione di posacenere, e quindi ahimé non ci sono scuse, i fumatori che buttano le cicche sono solo dei gran maleducati. E vi dirò, visto che le multe sono evidentemente inefficaci, dovremmo essere noi cittadini che quando vediamo qualcuno che butta via la sigaretta (in genere ancora accesa, se ci fate caso) glielo diciamo. Passeremo per rompiscatole? Di sicuro. Ma ne varrà la pena: perché quelle povere piante, che già ci puliscono l’aria e non le ringraziamo neppure, si devono sorbire pure i mozziconi che ci mettono anni per biodegradarsi!

Mozziconi_raccolti_parzLeggevo anche che i mozziconi si possono riciclare. Sono in corso degli studi secondi i quali sarebbero adatti nei composti per l’asfalto come riduttori della conduttività termica, oppure nella produzione di mattoni che isolano l’involucro edilizio. Insomma come sempre studiando le soluzioni si trovano.

E forse basterebbe creare un punto di raccolta e pagare chi porta chili di mozziconi, e ci libereremmo di questa bruttura!

Comunque è stata una bellissima esperienza. Girarsi e vedere pulito dietro di sé è sempre piacevole. Pulito è chic. Così come è piacevole sentirsi ringraziare dai cittadini che passano. È proprio vero che niente è efficace come il buon esempio.

Ed era molto bello che ci fossero tanti ragazzi. Molti sono quelli di FridaysForFuture, giovani che hanno deciso di fare la loro parte e di occuparsi della vera crisi del nostro tempo, come dice Greta Thunberg, il cambiamento climatico.

Anch’io cerco di fare la mia parte, e questo mi fa stare bene. Certo essendo after fifty dopo un po’ che sono china a raccogliere cicche mi viene mal di schiena… ma mi alzo, mi stiro e ricomincio!

Buona giornata a tutti!

Anna da Re

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: