Come rimescolare gli stessi vestiti e vivere felici

Alle volte pensiamo che basti comprare qualcosa di nuovo perché magicamente ci sentiamo meglio, se non più felici di certo più adeguate, più guardabili, più attraenti perfino. Sappiamo benissimo che l’attrazione dipende da tutt’altro, da elementi imponderabili e tutti interiori. Sappiamo benissimo che un capo nuovo non cambia il nostro stile nè il nostro modo di stare nel mondo. Tuttavia spesso caschiamo nel tranello.

Non c’è nulla di male a comprare qualcosa di nuovo, figuriamoci, sarei la persona meno indicata a dire e pensare qualcosa del genere. Ma attribuire ai vestiti qualcosa di più di quello che possono fare può essere ingannevole e può farci un po’ male. E se c’è una cosa che noi signore after fifty abbiamo capito con certezza, è che il male fatto da se stesse a se stesse è il peggiore e va evitato come la peste. Il male che arriva per come è fatto il mondo, per come va la vita, quello non si può evitare e bisogna affrontarlo. Ma quello che ci si fa da soli, quello sì vivendo bisogna imparare a non farselo. E sappiamo tutti che non è facile. Ma è largamente possibile, con il dovuto impegno e allenamento, che mica ci si allena solo negli sport.

È comunque un buon esercizio anche trovare dei nuovi modi per combinare gli stessi vestiti, o rimescolare un po’ il guardaroba. Alle volte capita anche che per un’intera stagione qualcosa non ce lo si mette affatto, e quando poi lo si ritrova sembra quasi nuovo.

Così è successo con questi jeans cropped, per esempio, che ho portato molto ma quasi mai l’anno scorso. Non c’era motivo, semplicemente non mi andava di metterli. Oggi li ho ritirati fuori e mi sono detta sì, mi piacciono ancora. E il cappottino. Comprato quando ancora nell’azienda per cui lavoro venivano degli stockisti o dei negozianti a vendere. Era super comodo, spesso ti davano le cose da provare a casa. Ci si andava nell’ora di pranzo, alle volte si facevano davvero dei buoni affari. Il cappottino mi era piaciuto molto anche se, devo confessare, ha una stagione assai limitata. È pesante per essere un soprabito e troppo aperto e corto per essere un cappotto. Sta lì a metà strada e fatica a trovare il suo tempo. Che però ogni tanto arriva, e siccome lo trovo proprio carino, con quel giallo fuori stagione che spunta al collo e alle maniche, è ancora con me.

Oggi era la sua giornata. A un certo punto ha smesso di piovere, non è ancora freddo ma ci si copre volentieri. Con sotto un pullover blu che ha il collo abbastanza alto (pullover che questo non vi so dire quanti anni abbia, ma si porta poco perché è leggero e, forse si vede, aperto dai lati) era proprio l’ideale. Non che dovessi andare in capo al mondo, giusto qualche commissione fuori casa.

Quindi sì, basta un po’ di spirito e di buona lena per cavarsela anche senza grandi spese. Ah, le scarpe. Pure quelle hanno i loro anni. Pure quelle l’anno scorso non le ho messe mai. Però quando ho fatto il cambio del guardaroba mi sono detta queste sì, queste mi sa che quest’autunno le metto. E infatti. Converse All Star: mi fanno sempre venire in mente Jane Birkin e il suo chic fou…

Buona giornata!

Anna da Re

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: